l'ocrim core è stato inaugurato il 15 settembre 2013 ed è stato successivamente ampliato, nell'autunno del 2014, con la creazione di una nuova ala. Il museo racconta sia l'esperienza dell'azienda nel campo molitorio che il proprio approccio umanistico attraverso il quale si esprime.

Infatti, attraverso il suo linguaggio artistico, l'OCRIM CORE intende trasmettere la cultura dell'ITALIAN MADE di un'azienda attenta alla qualità dei prodotti che propone, ma anche al mezzo e al messaggio attraverso il quale li presenta.

Il percorso espositivo si snoda lungo tre sale:

- La prima sala, allestita con installazioni post-moderne e macchinari antichi, è dedicata al rapporto uomo-macchina, macchina sentita come "estensione" del corpo e della mente dell'uomo... un uomo consapevole e armato della giusta esperienza per rapportarsi alla macchina su cui lavora. Gli artisti, attraverso le loro opere, hanno dato vita e movimento alla storia di OCRIM che fino ad ora è stata solo raccontata o scritta, ma mai rappresentata.

- La seconda sala racconta di persone di ieri e di oggi che si sono adoperate affinché le eccellenze dell'ITALIAN MADE fossero conosciute e apprezzate in tutto il mondo.

Essa ospita una motocicletta Moto Guzzi "Falcone", una bicicletta "Imperiale" e una macchina FIAT 500 "Topolino", considerate icone indiscusse della storia dell'industria e della cultura italiana. Attraverso questi nuovi arrivi, OCRIM vuole comunicare il proprio approccio e orientamento che sono basati sulla correttezza, competenza e passione per ciò che si fa.

- La terza sala, attraverso un'esposizione fotografica, racconta come OCRIM è nata, si è sviluppata e diffusa dal 1945 sino ad oggi.

L'esposizione è divisa in tre categorie: macchine, impianti, persone e azienda. Il percorso espositivo percorre le varie tappe storiche, mostra le prime macchine create, i primi impianti forniti con la formula del "chiavi in mano" sino ad oggi ed è un omaggio a coloro che hanno contribuito alla storia di OCRIM.

 

the inauguration of the OCRIM CORE took place on September 15, 2013 and later, in the Autumn of 2014, it was upgraded with another wing. The museum tells about both the experience of the company in the milling sector and its humanistic approach.

This museum wants to transmit the ITALIAN MADE concept through arts language since OCRIM cares a lot about the quality of its products, but also about the means to communicate its "Italianity".

The exhibition itinerary is arranged into three sections:

- The first section is set up with post-modern installations and old machinery and it is dedicated to the relation between Man and Machine... machine felt as "man's body and mind extension"... a man who is conscious and equipped with work experience suitable to confront himself with the machine. The artists have given life to OCRIM's story through their works... a story which was only told or written, but never represented... till now.

- The second section tells about people of the Past and Present who have made efforts to ensure that the excellence of the ITALIAN MADE concept is known and appreciated throughout the world. In this section there are important and historical Italian icons: a Moto Guzzi motorbike "type Falcone", an "Imperial" bicycle and a FIAT 500 "Topolino" car.

Through these new arrivals, OCRIM wants to communicate its approach and orientation based on meticulousness, competence and passion for what it does.

- The third section, through a photographic exposition, tells about how OCRIM was born, was developed and became popular since 1945.

The exhibition is divided in three categories: machines, plants, people and company. The exhibition path runs through the various historical stages, shows the first machines created, the first plants provided with the "turnkey" formula until today and is a tribute to those who have contributed to the OCRIM history.